Mostre

GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA “ARMANDO PIZZINATO” (VIALE DANTE, 33)
Il Mito Del Pop. Percorsi Italiani
Non si tratta dell’ennesima mostra di “Libri d’artista”, ma della prima mostra in Italia relativa a un settore quasi del tutto sconosciuto dell’arte contemporanea: la “Book Art”. Opere di artisti che utilizzano libri o pagine di libri, per creare le loro opere visivo-scultoree. L’esposizione presenta una quarantina di opere originali di artisti Italiani e stranieri tra i più validi di questo settore e approfondisce la tematica con una “dedicata sezione” storica arricchita da diverse opere tra cui Marinetti, Depero, Munari e da libri “Pop Up” provenienti da Musei e collezioni private. “BookArt”, realizzata dall'Associazione Culturale GrabGroup Upgrading Cultures e curata da Irene Moret, Sara Florian, Bruno De Blasio, ha il sostegno e la collaborazione della Provincia di Pordenone, il Patrocinio della Regione FVG e del Comune di Pordenone. La banca FriulAdria CréLa mostra, a cura di Silvia Pegoraro, mira a evidenziare la particolarità e l’originalità della via italiana alla Pop Art. Il 1964 è l’anno del trionfo della Pop Art americana alla Biennale di Venezia. Il percorso espositivo si snoda attraverso 70 opere di grande prestigio, alcune mai prima esposte, realizzate da una ventina di artisti, considerati i migliori artisti pop italiani, tra i più noti Mimmo Rotella, Franco Angeli, Tano Festa, Mario Schifano e altri. Il gusto tutto europeo e italiano, prima ancora che nei riferimenti alla tradizione artistica, si manifesta nella forte istanza di intervento artigianale/manuale, lontana dalle tecniche prettamente industriali utilizzate dalla Pop americana. Una originalità che le opere in mostra confermano.
A cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Pordenone, in collaborazione con l’Ente Regionale per il Patrimonio Culturale della Regione Friuli Venezia Giulia, con il contributo di Fondazione Friuli e con il sostegno di Crédit Agricole Friuladria e Itas Mutua.
ORARI APERTURA: da mercoledì 13 a venerdì 15 settembre, 10.00–13.00 / 15.00–19.00; sabato 16 e domenica 17 settembre, dalle 10.00 alle 20.00

GALLERIA HARRY BERTOIA (CORSO VITTORIO EMANUELE II, 60)
Pordenone. La Città Dipinta
La notte del 23 agosto 1318 uno spaventoso incendio notturno divampa. Pordenone brucia.
Dal 24 agosto nasce la Città Dipinta.
Per 1964 metri l'architetto veneziano Pierfranco Fabris la dipinge e Fulvio Comin la racconta.
Una lunga camminata nella storia e nelle storie della nostra Città. Potrete vedere le tavole originali e i palazzi raccontati.
A cura delle Edizioni Biblioteca dell'Immagine in collaborazione con il Comune di Pordenone.
Icons of art / Mosaic Young Talent 2017
Una straordinaria galleria di ritratti in mosaico dedicati a personaggi e celebrità del mondo dell'arte e dello spettacolo, considerati ormai icone internazionali. Le opere musive sono state realizzate da trentadue giovani artisti diplomati alla prestigiosa Scuola Mosaicisti del Friuli di Spilimbergo e rappresentano la tappa d'arrivo della Seconda edizione del Concorso Mosaic Young Talent 2017.
A cura dell'Associazione Culturale Naonis, in collaborazione con il Comune di Pordenone, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e con il patrocinio del MIBACT.
ORARI APERTURA: da mercoledì 13 a venerdì 15 settembre, 10.00–13.00 / 15.00–19.00; sabato 16 e domenica 17 settembre, dalle 10.00 alle 20.00

PALAZZO COSSETTI (PIAZZA XX SETTEMBRE, 2)
Venezia. Il Canal Grande
Dalla sua nascita ai giorni nostri, il Canal Grande è il polo più attrattivo di Venezia. Più volte chiamato "La strada più bella del mondo", rappresentava le due anime dei veneziani: splendido corso fiancheggiato da ricchi palazzi e al tempo stesso porto globale su cui si affacciavano magazzini, fondachi, mercati. Per 3200 metri Pierfranco Fabris, con grande maestria, ha disegnato il lato sinistro e il lato destro e Pier Alvise Zorzi, usando prezioso inchiostro, ha narrato la storia e le storie di ben 106 palazzi. Inoltre, in esposizione è possibile trovare in bianco e nero il lavoro del Moretti, eseguito nel 1827, che consente di capire le trasformazioni avvenute negli ultimi due secoli.
A cura di Credit Agricole Friuladria, pordenonelegge.it, Comune di Pordenone e Edizioni Biblioteca dell'Immagine
Presentazione: martedì 12 Settembre, ore 18.00, con visita guidata di Pier Alvise Zorzi
ORARI APERTURA: da mercoledì 13 a venerdì 15 settembre, 8.20–13.30 / 14.30–17.00.
Apertura straordinaria sabato 16 settembre dalle 10.00 alle 21.30

BIBLIOTECA CIVICA (PIAZZA XX SETTEMBRE, 11)
SALA ESPOSITIVA - BookArt Interazioni sensoriali
La mostra approfondisce un settore della BookArt fondato sull’ibridazione tra paper engineering e digital art, ambito di sperimentazione in grande espansione soprattutto nei paesi stranieri. L’esposizione prevede una ventina di opere originali di artisti italiani e stranieri tra i più validi di questo settore, corredata da una sezione storica incentrata sulle ricerche in campo artistico sul fenomeno della sinestesia. Legato a questo fenomeno, è previsto un concerto per pianoforte e tableaux pop-up. Alcuni tra gli artisti invitati realizzeranno dei laboratori, dedicati ad adulti e bambini.
A cura dell'Associazione Culturale GrabGroup Upgrading Cultures di Pordenone, con la collaborazione di Annalisa Metus, con il sostegno del Comune di Pordenone e con il patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Friuli.
Inaugurazione: martedì 12 settembre ore 18.00
PRIMO PIANO - L’abbecedario di PINOCCHIO
Mostra antologica della Fondazione Štěpán Zavřel di Sarmede

Pinocchio, il celebre burattino, è il protagonista di questa mostra antologica d’illustrazione per l’infanzia, raccontato in una travolgente concatenazione di avventure illustrate da ammirare, riguardanti scene della storia di Pinocchio: Geppetto che costruisce il burattino, il Gatto e la Volpe, Pinocchio nella pancia del pescecane, Pinocchio mentre va verso il paese dei balocchi assieme a Mangiafuoco… In particolare, ispirandosi alle parole di Collodi: “- A proposito, - soggiunse il burattino – per andare a scuola mi manca sempre qualcosa: anzi mi manca il più e il meglio - Cioè? - Mi manca l’Abbecedario”, ventisei illustratori si sono misurati con questo personaggio, in un alfabeto di ventisei illustrazioni.
Apertura mostra: mercoledì 13 settembre
ORARI APERTURA: 9.30-19.00

SPAZIO ESPOSITIVO DI CORSO GARIBALDI (CORSO GIUSEPPE GARIBALDI, 8)
1947-2017 Fiera di Pordenone, 70 anni di energia per il territorio
Il percorso iconografico prende le mosse da documenti e foto della prima manifestazione fieristica ospitata nell’edificio delle attuali Scuole Gabelli, dove si svolse fino al 1961. Si prosegue poi con la seconda sede, l’edificio rimodernato della ex Opera Balilla, situato in via Molinari e spazi adiacenti, per terminare quindi nell’attuale grande sede di Viale Treviso, dove la Fiera di Pordenone si trasferì a partire dal 1975. Fra manifesti e fotografie originali, testimonianze e memorabilia di vario genere, il visitatore potrà rivivere questi ultimi settant’anni non solo della Fiera, ma anche, di riflesso, della città e del suo sviluppo economico e industriale.
A cura di Guido Cecere e Maria Luisa Gaspardo Agosti
ORARI APERTURA: da mercoledì 13 a venerdì 15 settembre, 10.00–12.00 / 15.00–19.00; sabato 16 e domenica 17 settembre, dalle 10.00 alle 19.00

MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE “SILVIA ZENARI” (VIA DELLA MOTTA, 16)
Mario Sutor. Paesaggio letterario e dintorni
Prima personale nel nostro territorio dell'artista trevigiano Mario Sutor, la mostra presenta circa 30 opere che la sua polivalente vena creativa ha elaborato negli ultimi anni. Si tratta di collages polimaterici dove si affacciano al nostro sguardo pulsanti skyline, paesaggi o pure astrazioni, realizzati con i materiali più disparati, quali vetro, acciaio, carta, legno, tessuto in un concerto di “materie in libertà.
A cura di Anna Sutor con l'intervento critico di Ernesto L.Francalanci.
A cura dall'Associazione Amici di Parco con la collaborazione del Comune di Pordenone.
ORARI APERTURA: da mercoledì 13 a venerdì 15 settembre, 10.00–13.00 / 15.00–19.00; sabato 16 e domenica 17 settembre, 10.00–13.00 / 14.00–20.00

MUSEO CIVICO D’ARTE DI PORDENONE, PALAZZO RICCHIERI (CORSO VITTORIO EMANUELE II, 51)
Partendo dal secondo piano, le collezioni più antiche di scultura lignea e lapidea, gli affreschi parietali tardotrecenteschi del Palazzo, le opere quattrocentesche degli intagliatori tolmezzini (Domenico e Giovanni Mioni), alcune importanti opere di Giovanni Antonio de Sacchis, detto il Pordenone (1483-1539) e le successive testimonianze artistiche fino a giungere alla fine del ‘500. Il percorso prosegue poi al primo piano con le opere del ‘600 e del ‘700 e una esaustiva selezione della produzione artistica del pittore pordenonese Michelangelo Grigoletti (1801-1870). Completa l’esposizione una sala che presenta l’esposizione di alcune pregevoli coeve tavolette lignee da soffitto.
ORARI APERTURA: da mercoledì 13 a venerdì 15 settembre, 10.00–13.00 / 15.00–19.00; sabato 16 e domenica 17 settembre, 10.00–13.00 / 14.00–20.00

CASA CIRCONDARIALE DI PORDENONE
(PIAZZA DELLA MOTTA, 10)

"Sono stato io. Il mio labirinto"
Presso la Casa Circondariale di Pordenone l'esposizione dei libri d’arte creati durante i laboratori artistici e di legatoria, realizzati all’interno della stessa struttura carceraria nel 2016, in collaborazione con Comune di Pordenone e Servizio Sociale dei Comuni UTI del Noncello, IAL FVG. Introdotte da Alberto Quagliotto, Direttore della Casa Circondariale, e dai curatori dell'iniziativa Pasquale Luongo, Virginia Di Lazzaro, Marina Stroili e Alessandra Santin, le opere potranno essere sfogliate dai visitatori che percorreranno anche il grande Labirinto dipinto all’interno della prima cinta muraria, accompagnati dalla musica di Massimo De Mattia. Un happening artistico, un’esperienza fisica, emotiva di lettura che vuole raccontare il coraggio di ripensare il Labirinto come metafora della vita di ciascuno (e non solo del detenuto), meditando sul proprio passato per scrivere un nuovo futuro.
A cura del Comune di Pordenone e Servizio Sociale dei Comuni UTI del Noncello, IAL FVG.
HAPPENING: giovedì 14 settembre dalle ore 16.00 alle ore 18.00 - Ingresso libero fino esaurimento posti (numero limitato)

> Anche quest’anno pordenonelegge porterà un autore all’interno della Casa Circondariale di Pordenone: Don Antonio Mazzi incontrerà i detenuti e presenterà il suo ultimo libro.

CENTRO CULTURALE CASA A. ZANUSSI - GALLERIA SAGITTARIA (VIA CONCORDIA SAGITTARIA, 7)
L’Arte di Scrivere d’Arte 2007-2017
"L'Arte di Scrivere d'Arte 2007-2017: un progetto in forma di dialogo". Dieci anni di incontri con personalità della cultura, invitate al Centro A. Zanussi per discutere dei caratteri di stile della critica d'arte, riuniti fino al 17 settembre, alla Galleria Sagittaria con una loro opera - che è stata immagine di copertina dell'appuntamento - insieme a quelli che del convegno sono stati ospiti.
Ingresso libero
ORARI APERTURA: mercoledì 13/giovedì 14/venerdì 15, 16.00-19.00; sabato 16, 10.00-12.30 e 16.00-19.00; domenica 17 settembre 16.00-19.00

GALLERIA HIPPOCRATICA (VIA GORIZIA, 6)
Lo scandalo della pittura. Opere di Maurizio Bottoni
La pittura, quel flusso ininterrotto di straordinari capolavori che l’ingegnosa creatività dell’uomo ha prodotto nei secoli, massima espressione della sua sensibilità estetica, non solo non è morta, come vorrebbe far credere una certa vulgata, ma gode di ottima salute. Maurizio Bottoni ne è autentica dimostrazione, capace di coniugare un’eccellenza pittorica di fascinosa eleganza estetica, scandalosamente prossima alla perfezione, con la più aggiornata attualità di pensiero, riuscendo ad attingere significati filosofici profondi, che conferiscono alle sue opere un carattere di universalità.
Mostra a cura di Giovanni Pietro Brusca e Giovanni Serafini
Inaugurazione: sabato 9 settembre ore 18.00 Presentazione a cura Giovanni Serafini
ORARI APERTURA: 9.30-12.30 / 16.00-20.00

CASA FURLAN (VIA MAZZINI 53)
Libri e cartelle d’artista dalla collezione di Italo Furlan,
La rassegna, a cura di Alessandro Del Puppo e Alessandro Scarsella, verte su una serie di importanti libri d’artista provenienti dalla collezione di Italo Furlan, che in molti casi illustrano o sono accompagnati da testi letterari e commenti critici. Tra le opere presentate si ricordano quelle di George Braque/Pierre Reverdy, Une aventure méthodique (1949), Picassso/Jaime Sabartés, Dans l’atelier de Picasso (1957), Zadkine/Apollinaire, Les collines (1966), Fritz Wotruba/Eugène Ionesco, Discours d’overture du Festival de Salzburg (1973-1974).
A cura della Fondazione Ado Furlan
ORARI APERTURA: 10.30-12.30 / 16.30-19.30

ASSOCIAZIONE CULTURALE “LA ROGGIA” (VIALE TRIESTE, 19)
Arte tra scrittura e segni – Libri d'Artista di Francesca Cataldi
La mostra espone i libri d’artista che Francesca Cataldi realizza dalla fine degli anni settanta servendosi di materiali disparati: carta, vetro, piombo, fili di rame, cemento, ardesia, resina, fili di catrame, queste ultime realizzate in occasione di “Liber/azioni” (Pordenone 1982).
Nell’atrio della Biblioteca Civica è invece allestita l’anteprima di una mostra che si terrà presso l’Università di Stoccarda in Germania a ottobre, nella quale la Cataldi propone la propria rivisitazione del Paradiso di Dante in libro d’artista.
In collaborazione con la Biblioteca Civica di Pordenone
ORARI APERTURA: 9.00-19.00

VILLA STORICA DELLA GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA “ARMANDO PIZZINATO” (VIALE DANTE, 33)
45 anni di Pordenone Pedala
La mostra, realizzata in occasione della 45^ edizione della Pordenone Pedala, racconta la storia della tradizionale manifestazione cittadina attraverso fotografie, filmati, medaglie, biciclette caratteristiche e materiale storico raccolto negli anni dalla stessa Associazione e dai partecipanti alle precedenti manifestazioni.
A cura dell'Associazione Pordenone Pedala in collaborazione con il Comune di Pordenone
ORARI APERTURA: da mercoledì 13 a venerdì 15 settembre, 10.00–13.00 / 15.00–19.00; sabato 16 e domenica 17 settembre, dalle 10.00 alle 20.00

EX BIBLIOTECA CIVICA DI PIAZZA DELLA MOTTA
Mostra dell'Esercito italiano in occasione della Festa Italo – Americana.
ORARI APERTURA: da mercoledì 13 a venerdì 15 settembre, 15.00–19.30; sabato 16 e domenica 17 settembre, 09.30-12.30 / 15.00-19.30
Feriale 15.00 -19 30
Sabato e festivi 09.30-12.30 / 15.00-19.30

AVONCAMPOLIN NONPROFIT ART SPACE (VIA DE PAOLI, 23/A)
Jeff Wall, Small Pictures + un'installazione mai realizzata per la «sala studio» dell'Università di Pordenone (a Oliviano Spadotto, in memoriam)
Jeff Wall (Vancouver 1949), uno dei maggiori artisti contemporanei, è conosciuto per le fotografie a grande scala. Sin dal 1992, Jeff Wall ha tuttavia realizzato anche immagini di minore formato: quanto esposto in questa mostra, prendendo spunto dall’esposizione alla Fondation Cartier-Bresson, documenta proprio questa declinazione dell'opera di Wall. L’occasione anche per raccontare un progetto di Jeff Wall per la sala studio universitaria, sostenuto dall'allora presidente del Consorzio universitario di Pordenone, Oliviano Spadotto, ma mai realizzato.
Venerdì 15 settembre, alle ore 17.00: Presentazione del catalogo La Fine del Nuovo | The End of the New a cura di Paolo Toffolutti; ore 18.00: inaugurazione mostra

CAMPANILE DI SAN MARCO (PIAZZA S. MARCO, 8)
Un Campanile di libri, dagli abissi alle vette
Un campanile. Otto piani. Otto “momenti di sosta” nel corso di una fantasiosa escursione in montagna. Dalle grotte alle vette: ambienti, animali, persone. Libri per grandi e piccoli per attivare in “spiriti curiosi” d’ogni età la curiosità per tutto ciò che è Montagna.
A cura della Sezione CAI di Pordenone e Unione Speleologica Pordenonese CAI
Apertura 15-16-17 settembre
ORARI APERTURA: 15.00-19.00
(A gruppi di 10 persone su prenotazione al momento)