Censimento dei poeti

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Loris Ferri

Loris Ferri, nato a Fano, il 10 novembre 1978 e residente a Pesaro; ha fatto parte della redazione della rivista: La Gru. Ha stampato l’opera prima dal titolo: Borderlinea (Thauma,2008) con nota di Gianni D’Elia. Suoi testi sono apparsi sulla rivista internazionale Viola. Ha partecipato al Festival: Chilango Andaluz (Siviglia) con il corto: Correspondencias, tratto dal poema Corrispondenze ai margini dell’occidente (Effigie, 2011) con nota di Roberto Roversi. Ha ricevuto il Premio Nazionale A.N.P.I per Una storia Partigiana con il poema: Rom (uomo), Sigismundus 2012.


E-mail: [email protected]

Canto degli emarginati

III.

 

Ridonaci ora, Kastav!, il nostro destino

gitano, la memoria di tutte le terre

percorse e sudate con gli occhi

e la fronte, la solitaria pace del vino…

 

Ridona Kastav!, l’arte alle muse zigane,

il talento della trasmutazione,

l’odore acido dei metalli e la strada

da battere sotto le suole pagane,

 

per noi viandanti dalle radici creole…

Ridonaci Kastav!, il novello belica

quando il soffio d’ottobre le ossa gela,

quando la brina ancora gesta le viole,

 

per ridonare al sangue un sangue meno vile,

per scaldare il cuore e la voce,

puro dono dell’uva bianca,

pietra pura di un segreto inviolabile,

 

belica!, che fraterno rende il disgelo

e sorella l’oscura fiumana del vento…

Mozzi, puttane, gitani e spose

brindiamo, Kastav!, alle porte del cielo

 

brindiamo alle catafratte di un male eterno,

noi!, fratelli, traditori e nuovi compagni

dal cuore irrimediabilmente ferito,

alla fatica del nostro destino fraterno…

 

passo tratto dal poema: Rom (uomo)