Censimento dei poeti

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Omar Ghiani

Omar Ghiani (28/06/1984, nato e residente a Cagliari) è giurista internazionalista della Sorbona e del King's College di Londra. Si è occupato di cultura all’ONU a NYC e Beirut. Scrive di Medio Oriente per Il Foglio e Limes. Collabora col portale di traduzione Il Porto di Toledo. Finalista del Premio Mazzacurati-Russo, sue poesie compaiono su blog e sul Registro di Poesia 5 della casa editrice d'If. Co-organizza l’evento Fuochi sull’Acqua per giovani poeti. Per la Fondation de France, di cui è stato borsista, ha tradotto Gibran, Rihani e Ziada dall'arabo. Fa il clown negli ospedali.

E-mail: [email protected]

Un’astori andat a s’alvéolu

de su fúlmini – energia de cetrali.

Luegus calat in puru spátziu pagu atesu.

Innunis no est prus aundi umanamenti

su sentidu lassat su mússiu e s’imbuscat.

Foresta si aici si podit tzerriai,

vida unfrada de respustas.

Perou un’astori andat a s’alvéolu

de su fúlmini.

 

 

Un falco va all’alveolo/ del fulmine – energia di centrale./ Dopo plana in uno spazio puro non lontano./ Lì non è più dove umanamente/ il senso lascia la morsa assiepandosi./ Foresta se così si può chiamare,/ vita gonfia di risposte./ Però un falco va all’alveolo/ del fulmine.