Censimento dei poeti

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Jonata Sabbioni

Jonata Sabbioni nasce ad Amandola (FM) il 10/07/1985 e vive a Fermo. Partecipa a concorsi nazionali di poesia risultando tra i finalisti premiati: Menzione Speciale al Premio Cosseria (Savona, 2005), Menzione al Premio Cantone (Forlì, 2006), e al Concorso Cairoli (Varese, 2007). È direttore del periodico di attualità e cultura lAforisma e redattore della radio on-web Radio Incredibile. È membro dell’’Associazione culturale Osservatorio C-Miniera e redattore della rivista della stessa associazione. Ha pubblicato il libro di poesia Al suo vero nome, L’Arcolaio Editore (Forlì, Dicembre 2010).


E-mail: [email protected]

Solo Dio ci basta. Le cose mai.

Ma non è sempre vero,

non è vero per sempre.

Basta, alle volte, l’eleganza di un gesto

nella paura, la bellezza di una parola laica.

Lo scintillio di vita

raccolto sul corpo

delle donne, dentro destini stravolti.

La nobiltà del male,

a tratti. Filtra allora una luce

semplice che mai avremmo creduto.

Si spezza la certezza di pietra,

e tutto crolla.


Questionario

  • 1. In quale città hai studiato?
    Ancona, Lisbona
  • 2. Vivi in una città diversa da quella in cui sei nato? Per quale motivo?
    Sì; per motivi professionali.
  • 3. Scrivi o hai mai scritto nella parlata, nel dialetto o nella lingua minore (scegli la definizione che preferisci) del luogo in cui sei nato e/o è avvenuta la tua formazione?
    No
  • 4. Quali studi hai intrapreso? Cosa hai studiato?
    Ingegneria Edile - Architettura
  • 5. La tua laurea o il tuo titolo di studio hanno a che fare con il lavoro che svolgi?
  • 6. Svolgi un lavoro che ha, in qualche misura, a che fare con la tua attività di poeta?
    No
  • 7. Quali lingue conosci?
    Italiano, Inglese, Portoghese
  • 8. A quali lingue accedi in originale per leggere le poesie?
    Italiano
  • 9. Che cosa pensi dell’insegnamento della poesia nella scuola?
    Insufficiente, inefficace, statico
  • 10. Al di là dell’interesse legato alle tue esigenze di informazione, ti piace leggere libri di poesia?
    Certamente!
  • 11. Puoi quantificare il numero annuale?
    6
  • 12. Quale genere di altri libri ami leggere?
    Narrativa
  • 13. Qual è il tuo rapporto con la letteratura classica antica (greca e latina)?
    Limitatissimo.
  • 14. E con i classici dell’Otto e Novecento?
    Estesissimo.
  • 15. Quali sono i poeti della tradizione novecentesca che ritieni essenziali per la tua formazione poetica? Per quali motivi?
    Pasolini per l'umanità; Zanzotto per l'analisi; Montale per la misura; Di Ruscio per la ricerca
  • 16. E quali sono le tre opere poetiche pubblicate a partire dal 2000, e scritte da poeti nati dagli anni ’70 in poi, che per te sono particolarmente importanti?
    Filippo Davoli, Antonio Santori, Massimo Gezzi
  • 17. Ti occupi di promuovere la letteratura e la poesia attraverso iniziative pubbliche?
    Certamente!
  • 18. Quale ruolo hanno la rete e i social network nel tuo occuparti di poesia?
    Importante (la rete); limitato (i social)
  • 19. Hai un blog?
    No
  • 20. Collabori per riviste on line e/o cartacea?
  • 21. C’è, nella tua opinione, spazio per un ruolo pubblico del poeta nella società di oggi?
    Certamente!
  • 22. Conosci realtà diverse dalla nostra, per quanto riguarda il ruolo pubblico dei poeti, fuori d’Italia?
    No
  • 23. Pensi che si potrebbe intervenire sulla politica culturale attuale e, se sì, in quale modo?
    Ripartendo dalla scuola: fondi, riforma dei programmi, qualificazione delle professioni della scuola; progettualità nuove e mirate.