Censimento dei poeti

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Maria Luigia Longo

Maria Luigia Longo nasce a Stigliano (Matera) il 10.08.75. Vive a Lecco, dove insegna. Nel 2001 si  laurea in Lettere Moderne con una tesi sulla poesia di Andrea Zanzotto. Nel 2012 esce la sua plaquette poetica RIME PRIVATE, per LucaniArt. Suoi racconti sono inseriti in antologie di Nottetempo e Perrone Editore. Nel 2010 esce per Samuele Editore la sua raccolta di poesie Paesaggi di tempo. Nel 2009 pubblica per la PulcinoElefante di Osnago “Per Andrea Zanzotto”, poesia-omaggio con acquerello di Giovanni De Lazzari. Molti suoi racconti hanno vinto premi letterari nazionali.


E-mail: [email protected]

Sito web: http://marialuigialongo.blogspot.it/

Il vento

trascina a stento

l’odore dei tuoi ritocchi

sulle espressioni buffe del viso

che non per artificio plastico

ma per maestria mimica

riesci a ravvivare.

A te alterno

l’umore folle

di un ritrovato abbandono

nel sorriso che porta a un’eco.

E quell’intervallo

incurva

il sentire di sentire

sulla tua schiena nuda

paesaggi di paesaggi

di tempo.
 

(da Paesaggi di tempo, Samuele editore, 2010)


Questionario

  • 1. In quale città hai studiato?
    Ho frequentato sia il il liceo che l'Università a Potenza.
  • 2. Vivi in una città diversa da quella in cui sei nato? Per quale motivo?
    Sì, sono nata a Stigliano (MT) e vivo a Lecco, per motivi personali.
  • 3. Scrivi o hai mai scritto nella parlata, nel dialetto o nella lingua minore (scegli la definizione che preferisci) del luogo in cui sei nato e/o è avvenuta la tua formazione?
    No, non ho mai scritto in dialetto lucano, ma ho molto letto e apprezzato le poesie di Albino Pierro che ha scritto in tursitano, codificandolo e dandogli una dignità letteraria.
  • 4. Quali studi hai intrapreso? Cosa hai studiato?
    Liceo Classico, lettere classiche e moderne, abilitazioni all'insegnamento delle materie umanistiche alle scuole medie e alle superiori.
  • 5. La tua laurea o il tuo titolo di studio hanno a che fare con il lavoro che svolgi?
    Sì, faccio l'insegnante alle scuole medie.
  • 6. Svolgi un lavoro che ha, in qualche misura, a che fare con la tua attività di poeta?
    Sì, ho organizzato volentieri a scuola laboratori di scrittura e di lettura poetica per gli studenti.
  • 7. Quali lingue conosci?
    Italiano, inglese, spagnolo.
  • 8. A quali lingue accedi in originale per leggere le poesie?
    Spagnolo e inglese.
  • 9. Che cosa pensi dell’insegnamento della poesia nella scuola?
    Penso che sia troppo pedante e spesso allontani i ragazzi dal piacere di ascoltare la sonorità dei versi.
  • 10. Al di là dell’interesse legato alle tue esigenze di informazione, ti piace leggere libri di poesia?
    Certo.
  • 11. Puoi quantificare il numero annuale?
    No è un numero fisso, ma facendo una media posso dire senz'altro non meno di 20 libri all'anno.
  • 12. Quale genere di altri libri ami leggere?
    Narrativa e saggistica
  • 13. Qual è il tuo rapporto con la letteratura classica antica (greca e latina)?
    Di buon vicinato: leggo brani che ricordo con interesse, li consulto anche per lavoro e mi piace visitarli di tanto in tanto o citarli.
  • 14. E con i classici dell’Otto e Novecento?
    Rapporto stretto: li leggo e rileggo periodicamente. Non potrei farne a meno. Sono gran parte della mia formazione.
  • 15. Quali sono i poeti della tradizione novecentesca che ritieni essenziali per la tua formazione poetica? Per quali motivi?
    Sicuramente Ungaretti, Montale, Pasolini, Penna, Sanguineti, Roversi, Zanzotto, Bellezza, Giudici, Gatto, Saba, Pizarnik e molti altri...
  • 16. E quali sono le tre opere poetiche pubblicate a partire dal 2000, e scritte da poeti nati dagli anni ’70 in poi, che per te sono particolarmente importanti?
    Non nati dopo il '70.
  • 17. Ti occupi di promuovere la letteratura e la poesia attraverso iniziative pubbliche?
    Sì, con letture pubbliche in librerie, biblioteche e caffè letterari della mia provincia
  • 18. Quale ruolo hanno la rete e i social network nel tuo occuparti di poesia?
    Hanno un buono spazio.
  • 19. Hai un blog?
    Sì,http://marialuigialongo.blogspot.it
  • 20. Collabori per riviste on line e/o cartacea?
    Sì, http://www.hubculture.it
  • 21. C’è, nella tua opinione, spazio per un ruolo pubblico del poeta nella società di oggi?
    Ovviamente sì. Non è scontato, non è facile, ma credo sia necessario.Più alla società che al poeta.
  • 22. Conosci realtà diverse dalla nostra, per quanto riguarda il ruolo pubblico dei poeti, fuori d’Italia?
    Non benissimo.
  • 23. Pensi che si potrebbe intervenire sulla politica culturale attuale e, se sì, in quale modo?
    Ogni intervento favorevole:
    -alla diffusione della cultura non solo nei luoghi tradizionali,
    - alla creazione di spazi liberi di fruizione,
    all'abbattimento dei costi di acquisto di libri e biglietti,ecc
    - all'abbattimento di ostacoli oggettivi
    -all'alfabetizzazione culturale tra le nuove generazioni
    -al ricorso anche alle nuove tecnologie
    -al finanziamento di riviste cartace e on line