Censimento dei poeti

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Roberto Batisti

Roberto Batisti nasce il 15.07.1985 a Bologna, dove vive attualmente. Laureato in Filologia Classica, è dottorando presso l'Alma Mater Studiorum e si occupa di linguistica greca. È inoltre paroliere e autore/conduttore radiofonico.
Le sue poesie sono apparse a stampa su «Le Voci della Luna» (n° 44, luglio 2009) e altre riviste, nonché su un'antologia di prossima uscita; si possono trovare anche sui siti Farapoesia, AbsolutePoetry e Critica Letteraria.


E-mail: [email protected]

Il vino dei nani

dalle osterie zampilla un vino zoppo

su barbe glagolitiche e vestaglie


due felibre rupestri, a passo d'orso,

inghiottono un caffè in gramaglie


sbranavi bene bocche di ragazza

osandone la levità a puntino


prima che ti s'incanaglisse addosso

questi antri di cartongesso,


la risacca sugli anni mal cuciti,

e parole come cengia o cerino


che ti scherzano in fil di naso con le piume...


il sole oggi ci viola, grimaldello

improbabile e impudico


l'arco diurno, fratello, è un dito storpio

e le albe non sono più le albe


Questionario

  • 1. In quale città hai studiato?
    Bologna.
  • 2. Vivi in una città diversa da quella in cui sei nato? Per quale motivo?
    Bologna.
  • 3. Scrivi o hai mai scritto nella parlata, nel dialetto o nella lingua minore (scegli la definizione che preferisci) del luogo in cui sei nato e/o è avvenuta la tua formazione?
    :(
  • 4. Quali studi hai intrapreso? Cosa hai studiato?
    Lettere classiche con robuste dosi di glottologia.
  • 5. La tua laurea o il tuo titolo di studio hanno a che fare con il lavoro che svolgi?
    Lavoro?
  • 6. Svolgi un lavoro che ha, in qualche misura, a che fare con la tua attività di poeta?
    Lavoro?
  • 7. Quali lingue conosci?
    Problematizziamo 'conoscere'... Parlo bene l'inglese, malissimo il francese, credevo di non parlare lo spagnolo ma stamattina (20.01.14) ho scoperto che un po' sì. Latino e greco come se piovesse; nozioni più o meno profonde di varie altre lingue morte stecchite.
  • 8. A quali lingue accedi in originale per leggere le poesie?
    Inglese, francese, latino, greco antico; spagnolo e tedesco col soccorso del dizionario.
  • 9. Che cosa pensi dell’insegnamento della poesia nella scuola?
    Sì!
  • 10. Al di là dell’interesse legato alle tue esigenze di informazione, ti piace leggere libri di poesia?
    Mi piace leggere libri.
  • 11. Puoi quantificare il numero annuale?
    Di poesia? Pochi, non sempre buoni.
  • 12. Quale genere di altri libri ami leggere?
    Cinquanta / sessanta all'anno, tolti naturalmente quelli che consulto per motivi di studio.
  • 13. Qual è il tuo rapporto con la letteratura classica antica (greca e latina)?
    Engaged.
  • 14. E con i classici dell’Otto e Novecento?
    In an open relationship.
  • 15. Quali sono i poeti della tradizione novecentesca che ritieni essenziali per la tua formazione poetica? Per quali motivi?
    Non faccio i Nomi ovvi / e neanche 'mio cuggino' / ti dico Gottfried Benn / e A.M. Ripellino.
  • 16. E quali sono le tre opere poetiche pubblicate a partire dal 2000, e scritte da poeti nati dagli anni ’70 in poi, che per te sono particolarmente importanti?
    Cattaneo, Peace and Love.
    Pellegatta, L'ombra della salute.
    Micaletto, Il piombo a specchio.
  • 17. Ti occupi di promuovere la letteratura e la poesia attraverso iniziative pubbliche?
    Prendo parte a letture, in un periodo molto buio della mia vita ne organizzavo addirittura.
  • 18. Quale ruolo hanno la rete e i social network nel tuo occuparti di poesia?
    Divertente, come una volta s'andava al giardino zoologico.
  • 19. Hai un blog?
    Me ne guardi il cielo.
  • 20. Collabori per riviste on line e/o cartacea?
    Ho smesso quasi subito, ma non escludo di ricaderci.
  • 21. C’è, nella tua opinione, spazio per un ruolo pubblico del poeta nella società di oggi?
    Per fortuna no.
  • 22. Conosci realtà diverse dalla nostra, per quanto riguarda il ruolo pubblico dei poeti, fuori d’Italia?
    :(
  • 23. Pensi che si potrebbe intervenire sulla politica culturale attuale e, se sì, in quale modo?
    Sì!