Censimento dei poeti

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Fabio Teti

Fabio Teti è nato a Castel di Sangro (AQ) il 17/12/1985. Attualmente, vive e lavora a Roma. È redattore di «gammm.org», «puntocritico.eu», e di «eexxiitt.blogspot.com». Suoi testi sono comparsi in diverse riviste, lit-blogs e web-zines tra cui «Semicerchio»,  «Nazione indiana», «L’Ulisse», «lettere grosse», «π – trimestrale di conversazioni poetiche», «La dimora del tempo sospeso», «Allegoria», «Sud». Ha partecipato a “Poesia totale - In voce” (Roma, dicembre 2010) e alla quarta edizione di “RicercaBO – laboratorio di nuove scritture” (Bologna, novembre 2011).



E-mail: [email protected]

ché qui cosa diventa, la frase «il mondo esiste»

 

più ioni e zone del disfarsi, della disfigurazione, del film

di «il mondo esiste». il router per falluja,

uranio e tolti gli occhi, la testa dentro il sacco

 

questo è detto e questo è guasto, il questo proprio.

 

 

non è quel mondo e le interfacce, di glifi:

anche è richiesto dal robot, dimostra di non essere

un robot: derclitic, iighatic, ionssùr, eriodo

attuale, maastrichtiano, età oscura della terra

(la distolta – la distorta – la distale):

è una domanda – lo è? – non poter fare

e fare come si potesse, ancora dire,

né come dove: ominazione, smessa è stata

smessa – rivà in sé -gmenti, qui -guìta, -minata:

dopo giorno dopo giorno e

meno zanne, nihilati, miniata

in reintentarsi

. . .


[da: nel malintedere (2007-2012, inedito)]