Censimento dei poeti

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Chiara Daino

Chiara Daino risiede a Genova dove è nata, il 5 marzo 1981. Tra le pubblicazioni: l’Eretista (Sigismundus Editrice, 2011, romanzo); Metalli Commedia (Thauma Edizioni, 2010, poesia); Virus 71 (Aìsara Edizioni, 2010, poesia); La Merca (Fara, 2006, romanzo). Tra le raccolte antologiche: Storie di cibo, racconti di vita (coautrice di milAnoressica con Lello Voce, Skira Editore, 2012, drammaturgia); Quadernario venticinque poeti d’oggi (a cura di Giampiero Neri e Vincenzo Mascolo, LietoColle Edizioni, 2012, poesia); Labyrinthi (Limina Mentis Editore, 2012, poesia).


E-mail: [email protected]

Sito web: http://www.chiaradaino.it/

20 febbraio 1967

pensieri di ragno nei corpi

al sapore di sperma antico

vomito d’incenso la chiesa

 

è nella culla della carne

la molla cancrena del dubbio

abbi cura di chi non parla

nel come narcoma pretende.

ti chiedo solo se ricordi

quali letti sporcavi mentre

quel miele tramontò nel rosso?

è meno caldo di un bicchiere

 

tanto tu sprecavi parole

quando per piacere del buco

l’intarsio del cranio dipinse

 

di nero che goccia quel muro

è un paradiso di scuse

le parole che non ti deve


Questionario

  • 1. In quale città hai studiato?
    Mens mea mirabiliter renovatur vagando, ut Clerica Clara. Ut dicam vulgariter: Milano, Mondovì, Genova, Graz, Roma, Torino. Studiavi Theatricam Naturam et Humanas Litteras. Ut placet!
  • 2. Vivi in una città diversa da quella in cui sei nato? Per quale motivo?
    Rivivo [Zombie Bambi] nella città natale. Per quale motivo? Perché figlia di pluridivorzisti – professionisti [in platea hoc Vobis dico, sed *quid ad litteras meas*? Amen!] – e per Wille zur Macht del Fato che tutti ci burattina.
  • 3. Scrivi o hai mai scritto nella parlata, nel dialetto o nella lingua minore (scegli la definizione che preferisci) del luogo in cui sei nato e/o è avvenuta la tua formazione?
    Heavy Metal è «lingua minore» canonizzata da novello De Sanctis? Nella profana Penisola piagata dalla putida «doppia negazione» [afferma! Pro mentula! Affirmat!]; schiava mediatica dello stonato; pigra, neghittosa, indolente – assassina del Congiuntivo… Vogon invidiano io sappia scrivere in Italiano: miraculum est.
  • 4. Quali studi hai intrapreso? Cosa hai studiato?
    Homo sum et irascor, cum *homo* non sit *vir*, ab origine. Intrapresi, e terminai studii. Classici. Cum Classe & Corde Crew, rigetto il passato prossimo. L’azione non è conclusa – mai.
    Come lo studio, come la radio, come la bautta.
  • 5. La tua laurea o il tuo titolo di studio hanno a che fare con il lavoro che svolgi?
    Io non ho titolo, io non voglio titolo. Io sono Titolo: nastro e targa.
    *Il nodo banale è quello sciolto* e scelgo, ma non svolgo: non datur Fa cum sit Re[gina].
    Si è, o non si è. Amlete, doce!
  • 6. Svolgi un lavoro che ha, in qualche misura, a che fare con la tua attività di poeta?
    Bále de bále kerýlos éiēn?
    Frittura Diaria son’io?
  • 7. Quali lingue conosci?
    Quelle che parlo e salamandro.
  • 8. A quali lingue accedi in originale per leggere le poesie?
    Per me ogni Lingua è spartita, spartito:

    DOni il santo Giovanni
    REgolare la voce:
    MImi le gesta sue.
    FAccia nei servi pura,
    SOLo da morbo offesa
    LA bocca infetta: chiedo
    Sempre, con loro, Io.
  • 9. Che cosa pensi dell’insegnamento della poesia nella scuola?
    Penso Bene: ne depenso. Non è morbo mio.
  • 10. Al di là dell’interesse legato alle tue esigenze di informazione, ti piace leggere libri di poesia?
    Excusate me miseram: chiedereste ad un Chirurgo se ami vedere Dexter? È trito accademico scindere voluntas da voluptas. Dama non sgrana il piacere dall’esigere: Io vuole, Io ha.
  • 11. Puoi quantificare il numero annuale?
    Potrei. Siamo ragionieri? O siamo?
    Umorali!
  • 12. Quale genere di altri libri ami leggere?
    Libro non ha genere. O è scritto bene o. Devo continuare?
  • 13. Qual è il tuo rapporto con la letteratura classica antica (greca e latina)?
    E Sanscrita? Egizia? Ebraica? Mēxihcatl? Dogon? Rettiliana? Ho ottimi rapporti coi Morti. Più vivi e vitali dei presunti e sedicenti contemporanei.
  • 14. E con i classici dell’Otto e Novecento?
    Italiani? Europei? Peruviani? Cubani? Giapponesi? Non posso rispondere perché *Classico* implica ALMENO ottocento anni di storia und letteratura. Dennoch: Bene e Busi.
  • 15. Quali sono i poeti della tradizione novecentesca che ritieni essenziali per la tua formazione poetica? Per quali motivi?
    Rapagnetta e Rosselli.
    I motivi sono Spazi Metrici: chi crea, chi distrugge, consapevole.
  • 16. E quali sono le tre opere poetiche pubblicate a partire dal 2000, e scritte da poeti nati dagli anni ’70 in poi, che per te sono particolarmente importanti?
    Adriano Padua, Le parole cadute [d’if, 2008].
    Anneke van Giersbergen, Drive [Inside Out U.S., 2013].
    Massimo Sannelli, L’aria [Puntoacapo, 2009].
  • 17. Ti occupi di promuovere la letteratura e la poesia attraverso iniziative pubbliche?
    *forse quella fase avrà forma.
    e sarò una persona – perfetta,
    al momento metto a segno: il mio meglio,
    ad oggi. *per ora*. è tutto: è quello che posso*


    [Wasting Love, IRON MAIDEN]
  • 18. Quale ruolo hanno la rete e i social network nel tuo occuparti di poesia?
    Tanto. Col motivetto. PPP.
  • 19. Hai un blog?
    Più d’uno: ma è CURA del mio Webmostro, Daniele Assereto.
  • 20. Collabori per riviste on line e/o cartacea?
    Jawohl, hoc est!
    [E marchettiamo ALMENO per i MAIORES: PostPopuli. E LiveUs]
  • 21. C’è, nella tua opinione, spazio per un ruolo pubblico del poeta nella società di oggi?
    E quale ruolo PRIVATO dovrebbe avere un poeta che è? Poeta.
    Un Poeta – è Poeta di RUOLO. Poeta prende e pretende posizione.
  • 22. Conosci realtà diverse dalla nostra, per quanto riguarda il ruolo pubblico dei poeti, fuori d’Italia?
    Sì.
    [Le pratico, le conosco, le vivo. *Il dogma è un magma di lug und trug*].
    Dudelei, musico l’Agnosco. Vestigia Flammae – Deorum Metallica: GIMME FUEL!
  • 23. Pensi che si potrebbe intervenire sulla politica culturale attuale e, se sì, in quale modo?
    La pólis non esiste. Se modo è, è meccanica del carisma.