Censimento dei poeti

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutti
Tiziana Cera Rosco

Tiziana Cera Rosco, poetessa e artista abruzzese, è nata a Milano nel ’73, dove ora vive.
Ha pubblicato: Dio Il Macedone (ed. Lietocolle 2009), Il Compito (ed. Niebo, 2008), Lluvia (ed. Lietocolle 2006), Il Sangue Trattenere (ed. telier 2003), Calco Dei Tuoi Arti (Lietocolle, 2002).
E’ autrice del video poema Non salvarti con musiche di Teho Teardo; delle scritture per voce sola: Così poco destino nei vostri sguardi, Segnata E Gli Idioti, Demonio o del perdono.
Conduce laboratori di Umanesimo dal 2006 e la sua ultima installazione è “Ritorna”.
E’ ora in scena con Gli Animali Non Esitano.


I.
In qualunque luogo sarà il corpo

Là si raduneranno le aquile.

Per questo ti dico “Non Tremare”

“Non Tremare” sarà il tuo tuono.


Quando sarai morto, corpo mio,

perfettamente tenero

perfettamente quieto

perfettamente spaccato nel mezzo


Ricordati di me.

Raggiungimi.


(da Anatomia Del Solo)



Questionario

  • 1. In quale città hai studiato?
    Milano
  • 2. Vivi in una città diversa da quella in cui sei nato? Per quale motivo?
    sono cresciuta nel parco, tra l'Abruzzo e il Molise. Mia madre ebbe uno shock post terremoto e venimmo a vivere a Milano.
  • 3. Scrivi o hai mai scritto nella parlata, nel dialetto o nella lingua minore (scegli la definizione che preferisci) del luogo in cui sei nato e/o è avvenuta la tua formazione?
    Sto scrivendo ora un romanzo sulla mia terra, parte dei dialoghi sono in dialetto.
  • 4. Quali studi hai intrapreso? Cosa hai studiato?
    Filosofia, ma ad un esame dalla laurea, mentre scrivevo una tesina sul male, ho lasciato.
  • 5. La tua laurea o il tuo titolo di studio hanno a che fare con il lavoro che svolgi?
    scrivo, fotografo, installo opere. tutta la mia formazione ( che è un non smettere di imparare ad apprendere) è integrale alla mia vita attuale.
  • 6. Svolgi un lavoro che ha, in qualche misura, a che fare con la tua attività di poeta?
    tutto il lavoro che svolgo si basa sulla Visione. rispondimi tu.
  • 7. Quali lingue conosci?
    lo spirito.
  • 8. A quali lingue accedi in originale per leggere le poesie?
    appena l'inglese. ma ascolto sempre le letture in tutte le lingue originali. questione di musica.
  • 9. Che cosa pensi dell’insegnamento della poesia nella scuola?
    tengo corsi sul talento e la poesia perchè la scuola non ha coraggio.
  • 10. Al di là dell’interesse legato alle tue esigenze di informazione, ti piace leggere libri di poesia?
    dipende dai libri! ma ho appena tirato su una piccola noneditrice: cuoreinverso.it
  • 11. Puoi quantificare il numero annuale?
    anche con i ricorsi storici, una 15ina. ma a volte basta uno.
  • 12. Quale genere di altri libri ami leggere?
    filosofia. fisica. saggistica. epistolari.
  • 13. Qual è il tuo rapporto con la letteratura classica antica (greca e latina)?
    sto ricopiando a mano Euripide.
  • 14. E con i classici dell’Otto e Novecento?
    cosa sono i classici in poesia? la poesia vive di non classicità.
  • 15. Quali sono i poeti della tradizione novecentesca che ritieni essenziali per la tua formazione poetica? Per quali motivi?
    Dylan Thomas, per l'immaginazione. Amelia Rosselli per il perdono.
  • 16. E quali sono le tre opere poetiche pubblicate a partire dal 2000, e scritte da poeti nati dagli anni ’70 in poi, che per te sono particolarmente importanti?
    bisognerebbe parlare di opera poetica.
  • 17. Ti occupi di promuovere la letteratura e la poesia attraverso iniziative pubbliche?
    si.
  • 18. Quale ruolo hanno la rete e i social network nel tuo occuparti di poesia?
    espositivo. divulgativo.
  • 19. Hai un blog?
    no.
  • 20. Collabori per riviste on line e/o cartacea?
    no.
  • 21. C’è, nella tua opinione, spazio per un ruolo pubblico del poeta nella società di oggi?
    tantissimo, se con un po' di tenacissima umiltà senza modestia si evita il livellamento nell'essere pop star.
  • 22. Conosci realtà diverse dalla nostra, per quanto riguarda il ruolo pubblico dei poeti, fuori d’Italia?
    Colombia, Inghilterra e Islanda.
  • 23. Pensi che si potrebbe intervenire sulla politica culturale attuale e, se sì, in quale modo?
    con una lista civica. bisogna solo produrre valore, prima del linguaggio. se il linguaggio supera il valore, siamo nella farsa. il poeta è colui che fa, non che chiacchiera.