Agenzia Culturale

"In un futuro aprile" a Casarsa

21 marzo 2022

Visitare i luoghi legati alla poesia giovanile di Pier Paolo Pasolini, scoprire la sorgente originaria dei suoi sogni e delle sue ossessioni, della sua straordinaria creatività: a Casarsa e nel suo Friuli, dalla dimora di famiglia - Casa Colussi, oggi Centro Studi Pier Paolo Pasolini - a Versuta, da San Giovanni alla chiesetta di Santa Croce. Un itinerario che permette di approfondire la vicenda umana e artistica del grande poeta, scrittore e regista nel 2022 che segna il centenario della nascita. Domenica 3 aprile è in vista la seconda tappa del progetto “In un futuro aprile. Pasolini da Casarsa al mondo”, curato da Fondazione Pordenonelegge.it in sinergia con il centro Studi Pasolini: in collaborazione con PromoTurismoFVG è proprio da una visita guidata nei luoghi pasoliniani che si partirà, alle 15.30, con appuntamento per tutti a casa Colussi, dove si formeranno due gruppi. Uno inizierà la sua visita dal Centro Studi, l’altro si sposterà sul territorio, con tappa nei luoghi iconici: in origine c’è Casarsa, il paese della madre di Pier Paolo Pasolini, della prima infanzia e delle vacanze estive, e c’è Casarsa per l’ultima dimora, il piccolo cimitero dove lo scrittore riposa assieme ai suoi familiari. Nel mezzo, la chiesetta di Santa Croce, con gli affreschi di Pomponio Amalteo che Pasolini, aiutato dai ragazzi di Casarsa, cominciò a pulire e restaurare. Non distante, il piccolo borgo di Versuta che testimonia l'esperienza dell'Academiuta di Lenga furlana, e la campagna circostante celebrata nelle Poesie a Casarsa. Mentre la piccola frazione di San Giovanni è legata all’impegno politico del poeta, che qui faceva affiggere i manifesti murali da lui stesso ispirati. La visita guidata dovrà essere prenotata entro sabato 2 aprile, ore 17.30 all’ Pordenone Infopoint Palazzo Badini Via Mazzini, 2, tel. +39 0434 520381 - cell. +39 335 151 6948 -email [email protected] Per il trasferimento a Versuta, San Giovanni e al cimitero sarà necessario munirsi di mezzi propri.

torna indietro

Attendere prego...